LA RESILIENZA

Il termine “resilienza” in origine proveniva dalla metallurgia: indica, nella tecnologia metallurgica, la capacità di un metallo di resistere alle forze che vi vengono applicate. Per un metallo la resilienza rappresenta il contrario della fragilità. Così anche in campo psicologico: la persona resiliente è l’opposto di una facilmente vulnerabile.

La “resilienza” può essere appresa, sviluppando la consapevolezza di sé, del proprio “potere personale”, l’abilità di tollerare le frustrazioni della vita, la capacità di risolvere i problemi e di produrre cambiamenti, la speranza, la tenacia, il senso dell’umorismo.
Il “focus” sarà quello di stimolare la riflessione sullo stile con cui la persona affronta difficoltà e problemi, sulla sua capacità di convivere con la crisi, la demotivazione, il disagio e di fornire spunti e tecniche per imparare a vivere nel “presente” liberi da barriere interne che impediscono l’autoefficacia ed il completo sviluppo.

 

Scopri di più